Noleggio Barche
Miglior prezzo garantito
I vantaggi per i nostri clienti
Testimonianze
Contatti
marenauta®
noleggio barche, un nuovo modo per vivere il mare
Sign out?
+39 0112171011   
Contattaci per qualunque motivo!
  
Marenauta Blog
il blog del mare

Isole Sporadi a vela: la Grecia più solitaria e genuina - Blog di Marenauta

Di Inserito il 21 Settembre 2021 In Itinerari Crociera

Itinerari Crociera

Isole Sporadi a vela: la Grecia più solitaria e genuina

Nel cuore del Mar Egeo le isole Sporadi sono un arcipelago di quattro isole abitate e una costellazione di isolotti selvaggi dove baie ridossate, spiagge affacciate su acque cristalline e boschi di pini danno il benvenuto a chi arriva in barca a vela.

Le isole Sporadi, che significa “sparse” perché disposte in forma irregolare, sono una destinazione ideale per una crociera in barca a vela dove la natura regala i suoi colori più vivi e incontaminati: acque di smeraldo e alberi verdi sulle colline fino al livello del mare compongono un paesaggio magico e sicuramente una delle migliori aree di navigazione in Grecia. Le condizioni per navigare a vela e sono relativamente facili e ideali per vacanze rilassate, poiché i venti sono moderati e le onde rimangono basse anche quando il Meltemi soffia forte in Egeo. Le distanze nell’arcipelago inoltre sono modeste e le coste delle isole formano numerose baie con un riparo sicuro da tutte le direzioni del vento. Volos è la base nautica ideale per iniziare una crociera a vela nelle Sporadi che può proseguire per una settimana intorno a Trikeri, nella zona di Pelio, e nel resto delle isole: Skiathos, Skopelos, Alonissos, Kira Panagia (o isola Pelagos).

Sporadi vela

Giorno 1: Volos – Isola di Trikeri, 18 miglia

Sporadi a vela. La nostra crociera a vela inizia dal porto di Volos. Il tempo di radunare tutto l’equipaggio e fare cambusa e volgiamo la prua verso Sus dove ci attende la piccola isola di Trikeri, situata vicino alla penisola di Pelio. È qui che ci godiamo la prima notte di vacanza in un paesaggio da sogno con mare cristallino e pini intorno a una delle baie ridossate. L’ideale è mettersi alla fonda nel lato Sud dell’isola, di fronte al punto più vicino della penisola di Pelio. Da vedere è sicuramente sono sicuramente le baie di Pelion. In alternativa si può tentare di trovare un posto barca all’interno del piccolo porto di Agia Kiriaki, con tutti i servizi principali.

Sporadi vela

Giorno 2: Trikeri – Neo Klima, Skopelos, 32 miglia

Sporadi a vela. La mattina del secondo giorno molliamo gli ormeggi e navighiamo verso la costa occidentale dell’isola di Skopelos. Qui si trova il villaggio di Neo Klima con un piccolo porto peschereccio che è stato recentemente ricostruito e offre circa 25-30 posti. I posti barca potrebbero essere limitati in alta stagione, quindi è meglio arrivare prima di sera. All’interno della struttura c’è anche la possibilità di avere energia elettrica e acqua dolce, così come un negozio locale che fornisce ghiaccio e tutte le attrezzature nautiche. Si noti che quando ci sono forti venti da Nord, la direzione del vento cambia all’interno del porto a causa dei rigidi pendii delle montagne che lo circondano. Il piatto forte dell’isola sono le spiagge di Megalo Pefko con la loro bellezza incontaminata. A Neo Klima la natura mette pace: il piccolo villaggio infatti è nascosto tra gli alberi e si gode di questa quiete anche in alcune taverne che offrono ottimi piatti di pesce appena pescato a prezzi ragionevoli. Per il resto la costa di Skopelos forma diverse baie aperte, una dopo l’altra e tutte sicure con tempo calmo per una nuotata, ma non per la notte.

Sporadi vela

Giorno 3: Skopelos – Baia di Tzortzi, Alonissos, 18 miglia

La mattina del terzo giorno di crociera si può raggiungere la spiaggia di Milia che offre acqua cristallina e una fitta macchia di alberi vicino al mare. Qui ci si può ancorare a circa 70 metri dalla spiaggia, a 7-8 metri di profondità e concedersi un tuffo in questo posto incantevole. Dopodiché si riparte con destinazione la Baia di Tzortzi che si trova sulla costa orientale di Alonissos, a circa 2,5 miglia oltre il porto dell’isola, Patitiri. In alternativa c’è la Baia di Chrisi Milia e altri piccoli ridossi che si trovano nella costa orientale di Alonissos e offrono un buon riparo e fondali bassi. La Baia di Tzortzi offre sul lato Nord la possibilità di ancorare con una cima a terra. Qui si fa presto ad abbandonarsi alla calma del mare mentre si posa lo sguardo sugli alti pini delle colline dell’isola che arrivano fino alle due piccole spiagge della baia. Quando poi scende la notte, lo splendore delle stelle e il suono del mare offrono tutto il piacere che si può desiderare. Altre belle baie per possibili ancoraggi sono quella di Alonissos o nell’isola di Peristera.

Sporadi vela

Giorno 4: Baia di Tzortzi, Alonissos – Patitiri, 1 miglio

Sporadi a vela. Dopo appena un miglio di navigazione dalla Baia di Tzortzi ci concediamo questo quarto giorno rilassarci e vagare nella città alta di Alonissos, la “Chora”. Qui si può ormeggiare a Patitiri, il piccolo porto di Alonissos. A causa delle dimensioni limitate del porto, il momento migliore per ormeggiare è a mezzogiorno, quando gli altri yachts partono. Da notare anche che il piccolo porto offre una fornitura piuttosto limitata di acqua ed elettricità. Dal porto si può raggiungere in 10 minuti di autobus o taxi la città alta che offre uno spirito davvero incontaminato e un’incredibile vista che sul mare, sia dal lato occidentale che da quello orientale dell’isola. Inoltre ci sono molte taverne e bar dove assaggiare uno dei prelibati piatti locali e piccoli laboratori d’arte colorati tutti da visitare.

Sporadi vela

Giorno 5: Alonissos – isola di Kira Panagia, 21 miglia

Sporadi a vela. La mattina presto si mollano gli ormeggi e si naviga di bolina verso Nord attraverso lo stretto tra le isole di Alonissos e Peristera fino alla baia a Sud dell’isola di Kira Panagia. Qui si può dare ancora a Nord del piccolo isolotto all’interno della baia, usando anche una cima a terra, giusto per un tuffo: le acque sono color zaffiro e la calma del luogo rilassa il corpo e la mente. Subito dopo si salpa verso la destinazione più settentrionale della crociera: Baia Planet, sul lato Nord di Kira Panagia. Notate anche che la via più breve per la Baia di Planet è il lato Ovest dell’isola, ma le mappe nautiche avvertono che quando il vento e le onde sono forti è molto difficile entrare nella baia da Est. Navigando lungo la costa occidentale si deve passare attraverso l’entrata principale, a causa delle secche tra il lato occidentale e il piccolo scoglio. In compenso però si possono ammirare le tante piccole grotte che fanno da rifugio per le tartarughe marine e le foche, specie protette nel Parco Nazionale Marino delle Sporadi del Nord. Anche per questo è imperativo astenersi a bordo da qualsiasi forma di inquinamento, perdita di petrolio, plastica e ridurre al minimo l’uso di sapone e il lavaggio dei piatti: proteggere il cuore del Parco Marino è essenziale per lo spirito che ci ha porta in quei luoghi magici. Anche quando scende la notte Kira Panagia offre uno spettacolo unico: la mancanza di qualsiasi altra luce, così come le piccole colline intorno alla baia permettono di osservare il cielo più ricco stelle con la sensazione di essere su un altro pianeta.

Sporadi vela

 

Giorno 6: Planet Bay – Baia di Panormos, Skopelos, 32 miglia

Una volta lasciata Planet Bay, la mattina del sesto giorno di crociera navighiamo navigato a Sud Ovest verso il capo meridionale dell’isola di Skopelos. Durante la navigazione si tiene Alonissos a Est con la sua costa di scoglie ripide sul mare per poi navigare intorno alla costa Sud dell’isola di Skopelos per raggiungere la Baia di Panormos, dopo circa 32 miglia. L’ideale è entrare in una piccola baia sulla costa Sud di Panormos e ancorare con una cima a terra. Dopo la natura selvaggia dell’isola di Pelagos, qui si torna alla calma dei verdi pendii delle montagne di Skopelos, le nuotate e i bagni di sole fino a notte. Nel caso di necessità di rifornimenti, si può fare una sosta al piccolo porto di Agnontas che si trova a un paio di miglia a Sud della baia di Panormos. Agnontas ha un villaggio molto tranquillo e pittoresco, circondato da alberi di pino di un verde brillante. Unica attenzione: quando prevalgono i venti da Sud (rari comunque nei mesi estivi) una mareggiata arriva dal mare aperto, rendendo difficile rimanere per molto tempo al molo.

Sporadi vela

Giorno 7: Panormos – Baia di Agia Kiriaki – Trikeri, 28 miglia

L’ultimo giorno della nostra crociera si fa ritorno alla Baia di Agia Kiriaki che si trova nel punto più lontano del lato Sud della penisola di Pelio e quindi a Volos. Durante la navigazione ci si può concedere una sosta all’isolotto di Tsougria, a Sud del porto di Skiathos, dove si estende una lunga spiaggia di sabbia circondata da alberi in un’ampia baia protetta dal vento del Nord. Dopo qualche ora di relax si raggiunge quindi il molo di Agia Kiriak dove fare una romantica passeggiata in riva al mare al tramonto e quindi una cena deliziosa in una delle numerose taverne vicino al molo, prima di tornare al porto di Volos. La fine perfetta di una crociera a vela nelle isole Sporadi, una parte di Grecia ancora genuina, lenta, lontano dal caos delle destinazioni turistiche e ideale per ricaricarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Offerte speciali? Iscriviti alla nostra newsletter!
Iscriviti