Noleggio Barche
Miglior prezzo garantito
I vantaggi per i nostri clienti
Testimonianze
Contatti
marenauta®
noleggio barche, un nuovo modo per vivere il mare
Sign out?
+39 0112171011   
Contattaci per qualunque motivo!
  
Marenauta Blog
il blog del mare

Ancora incattivata in baia: come risolvere il problema

– 8 Gennaio 2022 – Vita a bordo

Vita a bordo

Ancora incattivata in baia: come risolvere il problema

Trovarsi alla fonda ancorati in una baia con l’ancora incattivata ad un’altra è una delle situazioni più irritanti e difficili da risolvere per un equipaggio in crociera. Capita infatti che durante la manovra di ancoraggio o semplicemente durante la sosta con l’arrivo di altre barche la nostra ancora si agganci alla catena o alla cima di un’altra imbarcazione. Ci sono diversi dispositivi in commercio che evitano questo tipo di problemi, in ogni caso si può risolvere anche senza questi dispositivi con un po’ di pazienza e alcuni trucchi da marinaio.

Leggi anche: Come effettuare un ancoraggio sicuro e godersi le baie

Ancora incattivata

Sicurezza dell’ancoraggio e rispetto degli altri

Una buona regola di ancoraggio è che non si dovrebbe mai ancorare troppo vicino a un’altra barca; così come se già ancorati, quando un’altra imbarcazione arriva per ancorare nelle vicinanze, si dovrebbe intimargli di allontanarsi se cercano di gettare l’ancora troppo vicino a voi. Ricordate che è un vostro diritto avvisarli di stare lontani se pensate che vi aggroviglierete. E tuttavia anche se a tutti piace stare in un ancoraggio appartato per conto proprio, non si può mettere così tanta catena all’ancora che le altre barche non possano arrivare a meno di 50 metri da voi. Bisogna trovare un compromesso tra la sicurezza dell’ancoraggio e la gestione dello spazio nel rispetto anche degli altri diportisti.

Nel caso ci si trovi con l’ancora incattivata ad un’altra in una situazione di forte vento qualcuno dell’equipaggio dovrebbe comunque rimanere sul ponte per tenere d’occhio la situazione. Se voi o loro vi aggrovigliate, è meglio essere pazienti e collaborativi e rimandare a quando tutto è risolto eventuali rimostranze. Assicuratevi che entrambe le imbarcazioni siano ferme e che eventuali rischi immediati per le persone o lo scafo siano risolti, come per esempio i danni sotto la linea di galleggiamento. Per evitare un ulteriore trascinamento, l’imbarcazione che non ha trascinato o che era lì per prima dovrebbe gettare più catena. L’imbarcazione che ha trascinato o che ha attraversato il cavo dovrebbe invece avanzare di almeno 10 metri davanti alla vostra imbarcazione e poi tornare indietro dalla parte della propria ancora.

Ancora incattivata

Come liberare da soli l’ancora incattivata

In ogni caso per liberare l’ancora e trarci d’impaccio bastano una cima e un mezzo marinaio. Bisogna spostarsi dal proprio ancoraggio molto lentamente e cercare di mettere la barca sulla verticale della catena. Con il verricello tiriamo su quanto più possibile l’ancora. Mentre questa sale tirata dal verricello, l’addetto all’ancora sentirà dalle vibrazioni: niente paura, vuol dire che l’altra catena sta scivolando sulla nostra. Quindi prendiamo una cima e ne fissiamo una estremità a una galloccia e sull’altra estremità facciamo una gassa calandola fino a incontrare la catena sotto cui è finita la nostra ancora. Con il mezzo marinaio peschiamo la gassa facendo attenzione che la nostra cima passi sotto la catena realizzando così un doppino. Portata la gassa a bordo, tesiamo al massimo la cima e la si fissiamo a una galloccia.

Ora possiamo filare un po’ di calumo e liberare così la nostra ancora fissandola sul musone. Per liberarci definitivamente basterà sciogliere uno dei capi della cima usata per sollevare la catena che a questo punto ricadrà sul fondo. A questo punto accendiamo il motore e ci allontaniamo.

Ancora incattivata

Ancoraggio con più ancore: mai in baie affollate

Per ragioni di sicurezza, alcuni skipper durante una sosta in baia gettano più ancore. L’ideale in questa situazione sono tre ancore, ossia due a poppa e una a prua con un angolo di 120 gradi tra ciascuna. Questo vi terrà perfettamente fermi anche con venti di 50 nodi. Mettere più ancore può richiedere un’ora di lavoro e richiede l’utilizzo del vostro battello di servizio per calare correttamente i ferri.

Naturalmente questa manovra non è raccomandata in ancoraggi affollati. Questo perché tutti gli altri oscilleranno in base ai venti e alle maree e il pericolo di aggrovigliarsi con le altre ancore è molto alto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Offerte speciali? Iscriviti alla nostra newsletter!
Iscriviti