Noleggio Barche
Miglior prezzo garantito
I vantaggi per i nostri clienti
Testimonianze
Contatti
marenauta®
noleggio barche, un nuovo modo per vivere il mare
Sign out?
+39 0112171011
  
Marenauta Blog
il blog del mare

Batterie di bordo: una guida per velisti principianti

– 23 Giugno 2022 – Accessori di bordo

Accessori di bordo

Batterie di bordo: una guida per velisti principianti

Guida alle batterie di bordo. Quando noleggiate un’imbarcazione a vela è indispensabile innanzitutto conoscere il tipo di batterie marine di cui dispone la vostra barca: la tipologia, dove si trovano, qual è il loro livello di carica e le condizioni di efficienza in cui si trovano. Successivamente è necessario imparare a prendersi cura degli accumulatori per farli durare il più a lungo possibile.

Leggi anche: Come le batterie al litio stanno cambiando la vita di bordo

Batterie

Identificare le batterie della barca

Quando si sale a bordo di una barca a vela presa a noleggio una delle prime cose da fare è identificare è il tipo di accumulatori in dotazione, la loro dimensione e le modalità di manutenzione. In genere il banco batterie, visto che ha un certo peso, si trova in un punto basso dell’imbarcazione. Oggi le barche moderne dispongono di un banco di batterie principali e di una batteria di avviamento. Ecco i tipi di batterie più comuni:

  • Al piombo
  • AGM
  • Al gel
  • Litio (LiFePo4)

I modelli AGM e Gel sono entrambe versioni di accumulatori al piombo sigillate. Per le batterie al piombo-acido bagnate è necessario invece controllare anche il livello dell’acqua. Sono asciutte? Molti neofiti non sanno che le batterie al piombo umido devono essere di tanto in tanto riempite con acqua distillata, mentre gli altri tipi di accumulatori sono relativamente esenti da manutenzione.

Quando si controlla il livello dell’acqua, è bene ricordare che si ha a che fare con acido solforico, quindi è bene indossare una protezione adeguata per gli occhi in caso di spruzzi accidentali al momento della chiusura. Una volta aperta la batteria, l’acqua deve coprire le piastre che assomigliano un po’ alle alette di un radiatore, e non deve superare l’estremità delle linguette di plastica che si estendono dalla parte superiore della batteria. Se il livello dell’acqua arriva fino alle linguette, la batteria è piena. E ricordate: riempite sempre con acqua distillata che a volte viene chiamata acqua per batterie nei negozi di nautica.

Batterie

Controllare le condizioni fisiche della batteria

Dopo aver identificato il tipo di accumulatori che avete a bordo, è necessario verificarne le condizioni esterne. Osservate le custodie delle batterie: i lati sono sporgenti o rovinati in qualche modo? Ci sono crepe negli involucri di plastica? Ci sono detriti o segni di umidità sopra o intorno al banco? Se le batterie al piombo sono asciutte, non significa necessariamente che siano rovinate. Significa però che sono state maltrattate e che probabilmente la loro aspettativa di vita e la loro capacità sono ridotte. Riempitele, tappatele, caricatele e monitoratele.

Anche la corrosione sui terminali della batteria può causare problemi di prestazioni, ma di solito è facile da eliminare. In rete sono disponibili numerosi tutorial su come si presenta la corrosione e su come trattarla. Danni esterni, bassi livelli d’acqua, corrosione: sono tutti segnali che indicano che il proprietario della barca non ha provveduto alla corretta manutenzione degli accumulatori.

Le batterie possono durare da 2 a 8 anni. Si tratta di un intervallo enorme e per una buona ragione. Tutto dipende dalla corretta manutenzione.

batterie

Verificare lo stato di salute delle batterie

Una volta valutate le condizioni degli accumulatori, è importante verificarne le prestazioni. Per tutte le batterie marine al piombo, comprese quelle al piombo umido, AGM o al gel, esistono diversi modi per testarle. È possibile eseguire un test di carica con i dispositivi presenti sull’imbarcazione oppure utilizzare un tester, compresi i modelli digitali. Sebbene la prova di carica sia il metodo più accurato per determinare la capacità in ampère-ora, un tester per batterie può indicare con precisione lo stato di salute delle batterie, se usato correttamente. Se vi trovate in un gruppo di barche e non ne avete uno, chiedete in giro. Altrimenti, un elettricista marittimo nelle vicinanze dovrebbe averne uno.

Caricare completamente le batterie

Prima di effettuare il test, assicuratevi che le batterie siano completamente cariche, il che potrebbe richiedere l’accensione del generatore o l’allacciamento alla rete elettrica se l’energia solare non riesce a raggiungere il 100 per cento. Una volta che le batterie sono state caricate, mettete in funzione le utenze domestiche di bordo per un massimo di 15 minuti (frigorifero, congelatore, etc.). Questo rimuoverà la carica superficiale delle batterie e le porterà a una tensione di riposo.

Spegnere il sistema  e scollegare le batterie

Successivamente, spegnete tutto. Tutti i sistemi, i quadri CC e le batterie, per essere sicuri di eseguire un test accurato. Quando si controllano o si risolvono i problemi degli accumulatori, non c’è bisogno di spaventarsi: finché non si toccano contemporaneamente il nero e il rosso, è tutto a posto. Togliete eventuali anelli o bracciali e tutti i metalli che indossate, per esempio l’orologio, per assicurarvi di non completare accidentalmente il circuito. Inoltre, se si utilizzano strumenti metallici, è bene mantenere una buona presa e assicurarsi di riporli fuori dai piedi quando non vengono utilizzati.

Quando siete pronti, aprite il vostro banco di batterie. Quindi scollegate i cavi o togliete i fili dalle batterie. In questo modo le batterie non sono più collegate tra loro o a qualsiasi altra cosa. In questo modo sarà possibile determinare se una delle batterie sta danneggiando l’intero gruppo. In alternativa, è possibile verificare se vi è ancora un carico sconosciuto sul banco. Utilizzate una chiave a bussola per scollegare i cavi in modo semplice e sicuro e teneteli ben saldi mentre li allentate.

Come si esegue il test delle batterie

Ora siete pronti a testare ogni singolo accumulatore con il tester. Quando lo strumento è acceso, toccare il connettore rosso con il rosso e il connettore nero con il nero, quindi verificare la lettura. Se non avete a portata di mano un tester, ma volete comunque verificare se la batteria è guasta, potete usare un multimetro. Caricare completamente gli accumulatori come descritto e isolare ogni batteria. Passare il multimetro alla tensione continua, toccare il rosso con il rosso e il nero con il nero e annotare la lettura. È possibile confrontare le tensioni tra le batterie, che dovrebbero essere tutte simili.

Per quanto riguarda la percentuale di carica, in generale circa 12,7 Volt corrispondono a una carica completa, 12,4 è il 75% e 12,2 è circa il 50%. Con qualsiasi tipo di batteria al piombo, non si dovrebbe scaricare al di sotto del 50-60 per cento. Quindi ricordate: Caricare, isolare, eliminare le variabili e testare.

Perché proteggere la batteria?

Un componente fondamentale per prolungare la vita del vostro gruppo di accumulatori di bordo è assicurarsi che siano adeguatamente chiuse e fissate. È fondamentale che le batterie siano alloggiate in un involucro resistente all’acqua. Nel caso delle batterie al piombo umido, ad esempio, se una di esse si rompe o perde, l’elettrolito può disperdersi nelle sentine. Inoltre, se l’acqua dolce o salata penetra nell’area in cui si trova il banco, le batterie potrebbero andare in corto circuito.

Anche il fissaggio delle batterie delle imbarcazioni marine è fondamentale. La regola generale è assicurarsi che non ci sia più di un centimetro di movimento in qualsiasi direzione. A questo scopo si possono utilizzare le cinghie per batterie, in vendita presso la maggior parte dei negozi di nautica o di automobili. Quando si è al largo con mare mosso o quando un monoscafo è sbandato sotto vela, è necessario assicurarsi che le batterie rimangano al loro posto.

Per un velista neofita che noleggia un’imbarcazione identificare le batterie marine di cui si dispone e valutarne le condizioni e le prestazioni è un ottimo punto di partenza per tenere sotto controllo l’efficienza della barca, utilizzare impianti, accessori come winch e salpancora (se elettrificati) e risolvere eventuali problemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Offerte speciali? Iscriviti alla nostra newsletter!
Iscriviti