Noleggio Barche
Miglior prezzo garantito
I vantaggi per i nostri clienti
Testimonianze
Contatti
marenauta®
noleggio barche, un nuovo modo per vivere il mare
Sign out?
+39 0112171011   
Contattaci per qualunque motivo!
  
Marenauta Blog
il blog del mare

Charter: le 6 regole per vivere al meglio una crociera a vela | Blog di Marenauta

Di Inserito il 15 Settembre 2020 In Vita a bordo

Vita a bordo

Charter: le 6 regole per vivere al meglio una crociera a vela

È la prima volta che noleggiate un cabinato a vela o che venite invitati a bordo per una crociera? Abbiamo raccolto alcune delle regole non scritte del galateo di bordo per chi è nuovo nel mondo della vela. Si tratta di semplici norme di comportamento che attengono non solo all’educazione e all’arte di sapersi adattare al contesto piuttosto complesso di una barca, ma anche all’opportunità di rendere la vostra vacanza in mare il più piacevole possibile per voi e per il resto dell’equipaggio.

Rispettate l’equipaggio: dallo skipper al cuoco

Molto spesso la crociera a vela, soprattutto se si svolge su barche di grandi dimensioni o in tratti di mare impegnativi per via di secche, scoglie e variazioni di marea importanti, prevede la partecipazione di uno skipper professionista che può essere accompagnato da un aiutante oppure da una o più hostess. In alcuni casi c’è anche un cuoco a bordo, opzione quest’ultima sempre più richiesta, soprattutto lungo le rotte del Mediterraneo. Come trattare questo personale di bordo? La regola d’oro è rispettare il loro lavoro. In fondo ognuno di loro è lì interamente per assicurarsi che la vostra vacanza superi le vostre aspettative. Il loro lavoro può essere duro e in caso dello skipper in ballo ci sono anche le responsabilità civili e penali di barca ed equipaggio. Dal loro punto di vista avere un ospite gentile e felice li farà lavorare con più serenità e daranno il massimo per rendere il vostro charter perfetto.

Allo stesso modo, per un ospite poter contare su un equipaggio rilassato e simpatico migliorerà decisamente l’atmosfera a bordo. Nel caso di hostess per esempio dategli la possibilità di preparare i letti, fare il bucato e magari di fare la manutenzione dei vari impianti mentre voi passate il tempo a terra ad esplorare o a fare shopping. Se non c’è possibilità di scendere dallo yacht, cercate di lasciare all’equipaggio il tempo di fare il proprio lavoro mentre prendete il sole e nuotate.

Ascoltate il briefing sulla sicurezza

La sicurezza è la responsabilità principale dello skipper e dell’equipaggio. È normale che la prendono molto sul serio e pretendano che voi facciate altrettanto. Per questo ancora prima di mollare gli ormeggi lo skipper raduna tutti i membri dell’equipaggio e da loro alcune istruzioni attraverso il briefing di imbarco. Obiettivo di questa riunione è dare a tutti una serie di informazioni principali sulla barca e le attrezzature di bordo, dalle manovre agli impianti (per esempio il wc), dagli strumenti di comunicazione come il Gps o il Vhf, fino alle corrette procedure di emergenza. Il briefing di imbarco è sempre utile sia perché non tutti siamo esperti di navigazione, ma anche perché anche chi ha esperienza quasi certamente non ha confidenza con quella specifica imbarcazione, le sue manovre, gli strumenti di navigazione, le dotazioni e gli impianti.

Il briefing pre-imbarco è un buon momento anche per confermare il programma di crociera in base alle esigenze degli ospiti ma soprattutto in vista delle condizioni meteo: si riassumono in questa fase l’itinerario di massima, i migliori punti di ancoraggio, i possibili pericoli di una specifica area di navigazione e gli approdi migliori per il rifornimento di acqua, viveri e carburante. Vediamo allora nel dettaglio quali sono le istruzioni che l’equipaggio riceve in questo importante appuntamento.

Tenete informato l’equipaggio

Uno dei piaceri di una barca presa a noleggio, soprattutto quando c’è un equipaggio a vostra completa disposizione, è navigare coccolati e senza preoccuparsi delle questioni tecniche: le manovre, il programma di rotta, lo studio del meteo, etc. Di contro tuttavia bisogna poi rispettare le decisioni prese dallo skipper, ma anche tenere aggiornato sempre l’equipaggio dei vostri piani, per esempio in caso di escursioni a terra. Sarebbe per esempio inopportuno tornare a bordo dopo una serata di festa a terra con una mezza dozzina di amici e aspettarsi che lo il cuoco prepari un pasto a tarda notte per tutti.

Se volete invitare ospiti extra a bordo per un aperitivo o una cena al tramonto, assicuratevi di informare con un certo anticipo lo skipper, in modo che non ci sia un’imbarazzante carenza di cibo o di bevande e in modo che il cuoco possa prepararsi per l’evento. Oltre a eventuali cambiamenti di programma, l’equipaggio deve poi essere avvisato il prima possibile in caso di gite improvvisate o interruzioni durante il viaggio.

Chiedete informazioni sugli animali domestici

Quando si programmano le vacanze in barca è difficile rinunciare alla compagnia dei nostri amici a quattro zampe, per cui diventa gioco forza portarli con sé a bordo. La cosa bella è che in generale cani e gatti dopo un breve periodo di adattamento che può durare qualche giorno cominciano a sentirsi perfettamente a proprio agio negli spazi della barca. L’equipaggio deve semplicemente prendere qualche precauzione per rendergli il soggiorno confortevole ed evitargli inutili stress. Se desiderate viaggiare con il vostro animale domestico, assicuratevi solo di avere avvisato il vostro broker di noleggio in modo che possa trovarvi una barca a misura di animale domestico. Se siete ospiti, assicuratevi di avere discusso con il proprietario della barca, con lo skipper o con il responsabile del charter prima dell’imbarco. Molte barche, per esempio un grande catamarano, sono perfetti per portare animali domestici a bordo, ma assicuratevi di controllare che abbiano una sistemazione adeguata per i vostri amici a quattro zampe.

Prima di lasciare gli ormeggi infine è importante portare i vostri animali dal veterinario per un controllo ed assicurarsi che le loro condizioni di salute siano idonee a una crociera. Cani e gatti anziani potrebbero per esempio mal sopportare lo stress della navigazione. Una consulenza con il vostro veterinario di fiducia toglie ogni dubbio e saprà consigliarvi anche cosa mettere nella farmacia di bordo per i vostri amici quadrupedi.

Non fate niente di illegale

Il livello di tolleranza a bordo degli yacht per attività illegali o illecite è assolutamente pari a zero. Parliamo di droghe, anche leggere, ma anche portare armi a bordo oppure molestare uno dei membri dell’equipaggio. La sanzione per tali comportamenti in molti paesi è il sequestro dello yacht stesso e la perdita della licenza, pertanto lo skipper e l’equipaggio vi consegneranno alle autorità. Nella maggior parte dei paesi, la pena è il carcere anche per tali comportamenti.

Non violate la politica sul fumo a bordo

Nella maggior parte delle barche a vela è vietato fumare all’interno delle cabine, ma possono esserci aree specifiche in coperta riservate ai fumatori. Se voi o alcuni di voi sono fumatori, assicuratevi che questo sia chiaro al vostro broker di noleggio fin dall’inizio. Se è permesso fumare in coperta, un ospite premuroso potrà gustare il suo sigaro da dessert a poppa o sottovento dello yacht, dove il fumo si disperde. Per quanto riguarda cenere e mozziconi di sigaretta è vietato gettarli in mare: basta premunirsi con quei portacenere portatili da spiaggia e smaltire poi il tutto in un secondo tempo.

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come giornalista professionista per testate nazionali e internazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

@ Offerte speciali
Iscriviti alla nostra newsletter
Copyright © - Tutti i diritti riservati