Noleggio Barche
Miglior prezzo garantito
I vantaggi per i nostri clienti
Testimonianze
Contatti
marenauta®
noleggio barche, un nuovo modo per vivere il mare
Sign out?
+39 0112171011   
Contattaci per qualunque motivo!
  
Marenauta Blog
il blog del mare

Come ridurre il fastidioso rollio nelle soste in rada | Blog di Marenauta

Di Inserito il 10 Novembre 2020 In Vita a bordo

Vita a bordo

Come ridurre il fastidioso rollio nelle soste in rada

Quante volte nel bel mezzo di una sosta in rada vi è capitato di cercare disperatamente di capire come fermare quel brutto rollio della barca? È una situazione piuttosto comune: siete ancorati in una bellissima baia e potreste godervi una giornata meravigliosa se non fosse per quel movimento senza sosta dello scafo che vi fa impazzire. Se poi state dormendo all’ancora, o almeno ci state provando, i vostri sogni potrebbero trasformarsi in incubi. Gli skipper esperti cercano di fare nel corso degli anni del proprio meglio per evitare o almeno ridurre al minimo il rollio della barca all’ancora. In questa guida vogliamo allora prendere in considerazione alcuni accorgimenti e soluzioni che rendono la vita un po’ più confortevole mentre si è ancorati in rada. Ma anche alcuni trucchi che invece non funzionano affatto.

Essenzialmente per prevenire o ridurre il rollio si possono adottare tre soluzioni: si può andare in un altro ancoraggio più ridossato, dove le condizioni del mare sono meno impegnative; si può trovare un modo per girare la prua o la poppa della barca verso il mare grosso; o ancora si può utilizzare un sistema di smorzamento del rollio. In ogni caso il meglio che si può fare per migliorare il comfort all’ancora è capire cosa provoca il rollio della barca. Vediamo quindi innanzitutto quali sono le cause del rollio.

Conoscere il proprio nemico…

Se capite cosa causa il rollio, allora siete in una posizione migliore per combatterlo. Il rollio è una rotazione periodica su un asse che percorre tutta la lunghezza della barca. È anche una delle esperienze più fastidiose che si possono avere a bordo e causa di molta stanchezza, mal di mare e ansia per tutto l’equipaggio. La consistenza, e di conseguenza il fastidio del rollio, dipendono dalle caratteristiche del moto ondoso e di quelle della barca. Il rollio si verifica quando la barca non è allineata a prua o a poppa alle onde. Il caso peggiore è quando le onde colpiscono lo scafo al traverso. In generale, si hanno grandi angoli di rollio quanto maggiore è l’altezza delle onde e quanto la lunghezza d’onda è corta. Anche la frequenza delle onde è fondamentale. Se l’intervallo tra due onde coincide con il periodo di rollio dell’imbarcazione (il tempo necessario per completare un rollio), esse raggiungono la risonanza e il rollio viene amplificato.

La risonanza delle onde, brutta bestia…

La risonanza avviene perché onde diverse si sincronizzano essenzialmente con il movimento dell’imbarcazione, spingendo sempre lo scafo nella stessa direzione in cui si muove l’imbarcazione. La frequenza naturale della maggior parte delle imbarcazioni da diporto è tipicamente di pochi secondi. Quindi, la risonanza si verifica di solito quando due creste d’onda sono a pochi secondi di distanza l’una dall’altra. I multipli di quell’intervallo di risonanza sono anch’essi negativi. Per esempio, una frequenza d’onda doppia rispetto alla frequenza dell’imbarcazione significa che ogni altra onda “aiuta” il moto ondoso. La frequenza d’onda non è importante solo a causa della risonanza. Alcune frequenze di moto periodico sono molto più fastidiose per gli esseri umani di altre. Anche le caratteristiche dell’imbarcazione, come il dislocamento, la zavorra e la forma dello scafo fanno un’enorme differenza nella quantità di rollio che sperimenta.

Comprendere le onde e il moto ondoso

Anche la comprensione delle onde è importante per prevenire il rollio. Le onde sono prodotte dal vento locale (onde di vento) o da tempeste lontane da dove ci si trova (onde di marea). Poiché le onde si muovono molto prima di raggiungere la costa, la loro direzione non dipende dal vento locale. Ciò significa che una barca all’ancora può essere rivolta verso il vento, ma avere il moto ondoso al traverso.

Le onde possono anche cambiare direzione quando si avvicinano alla costa, un fenomeno noto come “rifrazione”. Ad esempio, quando le onde si avvicinano a un frangiflutti, si arricciano intorno a questo cambiando l’angolo di incidenza. Poiché le barche all’ancora tendono ad affrontare il vento in modo naturale, la rifrazione di solito significa che le onde rifratte non colpiscono la prua e quindi producono il rollio. Quindi, tenete presente che quando cercate un ancoraggio non dovete solo valutare la direzione del moto ondoso, ma anche immaginare come le onde si rifrangeranno.

 

Come evitare di rollare?

Può sembrare ovvio, ma il modo più semplice e probabilmente il più efficace per evitare di rollare di solito è quello di andare in un altro ancoraggio. Eppure, molte persone insistono a rimanere in ancoraggi esposti al mare e approssimativi quando è meglio cercare un posto alternativo. Studiate le carte nautiche e controllate se ci sono altre baie in giro che potrebbero offrire condizioni più confortevoli. Se ne trovate una, questa potrebbe essere la soluzione migliore. Quando si cerca un ancoraggio confortevole, ci sono alcune cose da considerare. In primo luogo, quanto è ben protetto l’ancoraggio? Valutate il vento attuale e le previsioni del vento. Quanto sarebbe esposto l’ancoraggio se il vento o il moto ondoso dovesse cambiare direzione? A volte è difficile indovinare il punto migliore per ancorare all’interno di una baia, poiché la rifrazione e il vento locale possono essere entrambi difficili da indovinare se non ci si trova. Anche se è probabile che si debba risolvere il problema all’ancoraggio, è comunque bene avere un’idea di ciò che ci si dovrebbe aspettare.

Se non riuscite a trovare un posto migliore per l’ancoraggio o se non riuscite a lasciare il vostro attuale ancoraggio, ci sono ancora alcune cose che potete fare per cercare di rendere la vita un po’ meno miserabile.

Come smettere di rollare?

La maggior parte delle barche a vela è molto più colpita dal rollio che dal beccheggio. Dato che il rollio è peggiore quando le onde sono al traverso, è meglio che la prua o la poppa siano rivolte verso il moto ondoso. A meno che vento e onde non provengano dalla stessa direzione, questo non si verificherà naturalmente, quindi dovrete fare in modo che ciò avvenga. Ci sono un paio di semplici modi per allineare la barca perpendicolarmente alle onde. Il primo è quello di utilizzare un’ancora di poppa. Se impostata con l’angolo corretto, l’ancora è un’opzione semplice per mantenere la barca ad angolo retto rispetto al moto ondoso. In alternativa, anche legare una lunga linea a terra farà un buon lavoro, un’opzione molto popolare in alcune parti del Mediterraneo, ma non è possibile ovunque. Tuttavia, legare la poppa a terra o gettare l’ancora di poppa impedisce alla barca di oscillare quando il vento o la corrente cambia. Se vi trovate in un ancoraggio affollato, altre imbarcazioni potrebbero oscillare e schiantarsi contro la vostra. In questi casi, il modo più semplice per tenere la barca a prua verso il moto ondoso è di legare una lunga linea, chiamata la “briglia del moto ondoso”, dalla vostra ancora a poppa. La briglia tirerà la vostra poppa e potrete regolare la lunghezza della linea per ottenere l’angolo perfetto.

Stabilizzatori e multiscafi: niente più rollio

Un modo molto più fantasioso per ridurre il rollio è l’installazione di uno stabilizzatore giroscopico. Questa tecnologia esiste dal 19° secolo e da allora è stata utilizzata per stabilizzare le grandi navi. Si basa sulla coppia prodotta da un volano che gira ad altissima velocità, insomma una sorta di trottola. Il sistema è controllato da un’elettronica relativamente sofisticata che rileva il mare e risponde di conseguenza. Le prestazioni di questi dispositivi sembrano essere piuttosto buone, ma al momento non sono affatto economiche e consumano molta energia.

C’è ancora un’ultima soluzione: noleggiare un catamarano. In generale i multiscafi rollano molto meno dei monoscafi per ovvie ragioni. I monoscafi hanno chiglie che oscillano come pendoli e possono subire forti oscillazioni di ampiezza. Il rollio su un catamarano è diverso e avviene a causa del cambiamento dell’altezza dei due scafi al passaggio dell’onda. Le onde costiere sono tipicamente più lunghe di quanto molti di noi pensano. Se la distanza tra la depressione e il picco di un’onda è molto più lunga della larghezza di un catamarano, questo va semplicemente su e giù, con un minimo di rollio. Ecco perché i catamarani subiscono un rollio molto inferiore a quello dei monoscafi.

Avatar

Appassionato di vela e sport acquatici, esperto di diporto nautico, ha una lunga esperienza come giornalista professionista per testate nazionali e internazionali.

5 commenti

  • Avatar
    Marcello Varsallona

    È proprio vero che il mare è un grande maestro. Dove attingere e mettete in atto tutto quello che gli anni di esperienza, danno modo di sperimentare. Ottima sequenza e complimenti per averlo postato, ciao.

      • Avatar
        Marcello Varsallona

        Ciao David, ribadisco e ne sono più che convinto, che la sola scuola è navigare. Sono stato fortunato nell’avere un maestro (mio padre) che sia da piccolo mi ha insegnato e fatto toccare con mano situazioni a volte anche critiche, sempre comunque in sicurezza, non c’è scuola migliore. E come dico sempre in mare c’è sempre da apprendere. Per tutto questo bisogna amare questo elemento e rispettarlo, ciao e grazie a te.

  • Avatar
    pietro

    buongiorno, peccato che stabilizzatore giroscopico su una barca vela , sia inpessabile ( a meno che nn abbiate un 60′) e su una a motore non bastano euro 20000 per averlo, unico modo per evitare il rollio, è scendere……….:((

  • Avatar
    Giovanni Berlini

    Si, rispettarlo il mare così lo si può amare di più, temerlo perché non fa sconti, essere prudenti per garantire la sicurezza. essere modesti verso la natura e ascoltare chi ha più esperienza . Confesso ,in alcune situazioni critiche ho desiderato tanto essere alla nona fila di ombrelloni in una piatta e affollata spiaggia, ma é durato poco perchè mi sono accorto che avevo commesso un errore di manovra o valutazione. Ti saluto David e ti ringrazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Offerte speciali? Iscriviti alla nostra newsletter!
Iscriviti